Ricette, ma soprattutto consigli, racconti e segnalazioni di dove poter mangiare senza problemi e di conseguenza vivere meglio

Esistono diverse forme di celiachia?

Esistono diverse forme di celiachia?


Esistono diverse forme di celiachia? Ho trovato questa classificazione in un articolo che trattava de rapporto tra celiachia e bambini ed ho pensato fosse utile condividere questa domanda



Domanda semplice, risposta ovviamente complessa. La celiachia, di fatto, è una sola, ma si distingue a seconda dei sintomi e, soprattutto dei danni che provoca.

Ecco la classificazione 

La celiachia tipica, caratterizzata da dolori intestinali, diarrea, calo del peso corporeo, anoressia. Grave compromissione dei villi intestinali.

La celiachia atipica con fitte addominali, osteoporosi, dermatiti, alopecia, bassa statura, rachitismo. I villi sono compromessi.

La celiachia silente senza sintomi evidenti tranne malessere, emicranie e cefaleee. I villi appaiono già alterati.

La celiachia latente, la mucosa è ancora normale ma sono già presenti gli anticorpi anti-gliadina.

La celiachia potenziale senza sintomi ma soggetta a sviluppo. Negli ultimi anni si sta parlando anche di Gluten Sensitivity ovvero una condizione in cui in seguito all’ingestione di glutine si manifestano i sintomi, in buona parte sovrapponibili a quelli della celiachia e della sindrome da colon irritabile (gonfiore, sonnolenza, diarrea, stipsi, dolori addominali, cefalea, depressione, ecc), ma non c’è atrofia dei villi intestinali né risposta autoimmune dell’organismo”. ?

da Napoli Today

Adbox

@templatesyard