Ricette, ma soprattutto consigli, racconti e segnalazioni di dove poter mangiare senza problemi e di conseguenza vivere meglio

Quali sono le cause della celiachia?

Quali sono le cause della celiachia?


La celiachia, o altrimenti definita "malattia celiaca", è un'intolleranza permanente al glutine che in Italia interessa 400-600mila soggetti, ovvero una persona ogni 100-150 abitanti. 



Considerato che molti individui convivono per tanti anni con questa condizione, senza accusare disturbi particolarmente gravi, il numero dei casi diagnosticati è inferiore rispetto alla reale incidenza.

Più frequente nelle donne (il sesso femminile è colpito in misura doppia), la celiachia interessa in modo particolare la razza caucasica, ovvero quei popoli che consumano maggiormente cereali contenenti glutine

L'unica terapia veramente efficace contro la celiachia è una corretta l'alimentazione

Quali sono le cause della celiachia?

La celiachia è considerata una patologia a predisposizione genetica. Alla nascita, dunque, il bambino porta con sé i geni legati al disturbo. Essere portatore del gene anomalo, tuttavia, non significa necessariamente ammalarsi, bensì avere una maggiore probabilità che ciò accada.


Oltre a essere geneticamente indotto, il disturbo ha origine autoimmune. In un soggetto predisposto il consumo di glutine scatena una risposta immunitaria abnorme che va a colpire i villi intestinali, ovvero le cellule dell'intestino tenue deputare all'assorbimento dei nutrienti. 

Quando i villi intestinali vengono attaccati, perdono la loro capacità di assorbimento, con conseguenze che si riverberano soprattutto su fegato e cervello.

Di recente, uno studio italiano ha dimostrato un'importante relazione tra la celiachia e l'infezione da rotavirus. Si è scoperto che i celiaci, a differenza delle persone che non soffrono di questa patologia, possiedono degli anticorpi per una specifica proteina presente in questo virus. 

Gli anticorpi, captando la sua presenza sulle cellule dei villi intestinali, la attaccano per neutralizzarla. 

L'aggressione si traduce nell'apertura di piccoli canali tra una cellula e l'altra che spalancano le porte all'ingresso del glutine, con successiva infiammazione della parete intestinale.

da Il Giornale



Iscriviti

* indicates required


Adbox

@templatesyard