Ricette, ma soprattutto consigli, racconti e segnalazioni di dove poter mangiare senza problemi e di conseguenza vivere meglio

Il boom dei prodotti “free from”: il giro d’affari vale 6,8 miliardi

Il boom dei prodotti “free from”: il giro d’affari vale 6,8 miliardi


Lo rileva l’Osservatorio Immagino di GS1 Italy: ottime performance di vendita delle referenze “senza antibiotici” e “senza zuccheri aggiunti”



Sono oltre 13 mila ad affollare gli scaffali di ipermercati e supermercati italiani e valgono ben 6,8 miliardi di euro: sono i prodotti alimentari “free from”, quelli che indicano in etichetta l’assenza di un componente e/o ingrediente. 

Un mondo in continua crescita ed evoluzione: tra i trend recenti l’Osservatorio Immagino di GS1 Italy segnala il boom del claim “senza antibiotici” (+62% di sell-out, ma presenza a scaffale ancora contenuta) e le ottime performance di vendita dei prodotti “senza zuccheri aggiunti” (+9,1%) e “pochi zuccheri” (+7,6%).

Un’attenzione, quella degli italiani, al tema degli zuccheri che si conferma anche nel mondo dei prodotti adatti a chi soffre di intolleranze alimentari: i best performer sono, infatti, i prodotti “senza lattosio” (+3,6% rispetto l’anno precedente), la cui offerta si espande al 4,5% dei 71 mila prodotti alimentari monitorati dall’Osservatorio Immagino. 

Ma a dominare il mercato dei prodotti per intolleranti – che generano 3,7 miliardi di euro di vendite - sono gli alimenti per celiaci, sia in termini di numero di referenze sia di sell-out. Sommando quelli con il claim “senza glutine” e quelli con il logo della spiga sbarrata dell’associazione italiana celiachia (Aic) si arriva a oltre il 14% del paniere dei prodotti alimentari rilevati dell'Osservatorio Immagino e al 13,8% del giro d’affari alimentare totale del food monitorato.

Da Repubblica




Iscriviti

* indicates required


Adbox

@templatesyard