Ricette, ma soprattutto consigli, racconti e segnalazioni di dove poter mangiare senza problemi e di conseguenza vivere meglio

Il curry è senza glutine?

Il curry è senza glutine?

Il curry è una miscela di spezie ed erbe che varia a seconda dei luoghi e degli usi, utilizzato soprattutto nella cucina tradizionale indiana, oggi molto apprezzato anche nei nostri piatti, per dare un tocco di piccantezza e profumo, sia a base di verdure, che di carne o pesce.

È un composto di molti ingredienti, chiamato in India Masala, tra cui figurano la curcuma, i semi di coriandolo, la cannella, lo zenzero la noce moscata, il pepe nero, il peperoncino, i semi di fieno greco, e le foglie di curry che danno il nome alla miscela. 

Esistono diverse ricette per la preparazione del curry anche se in India non esiste un vero curry tradizionale, perchè nella maggior parte dei casi le spezie nella cucina indiana si usano singolarmente e sono miscelate fra loro solo nel momento in cui si prepara il piatto.

Il curry è senza glutine?

Il curry, nella sua formulazione "classica" non è a rischio, in quanto consiste in una miscela di sole spezie. Dato che, sotto questa denominazione, si possono trovare in commercio le miscele più disparate (anche contenenti cereali vietati), AIC considera questo prodotto a rischio.

Pertanto anche il curry appartiene alla lista degli alimenti con glutine che non ti aspettavi; il rischio è causato dalla contaminazione crociata, ovvero il passaggio diretto o indiretto di microbi patogeni fra gli alimenti.

Contaminazione crociata, cos’è?

Quando si parla di contaminazione crociata si fa riferimento alla situazione in cui alcuni microrganismi passano da un alimento ad un altro contaminandolo. Nella maggior parte dei casi questa trasmissione si verifica tra cibi crudi e cibi cotti, anche se può avvenire anche tramite contatto con utensili da cucina o superfici di lavoro.

La contaminazione crociata si suddivide in due tipologie a seconda del tipo di contatto che ha portato al trasferimento di batteri:
  • Contaminazione crociata diretta: questo tipo di contaminazione avviene di solito a partire da un alimento crudo contaminato che entra in contatto con un cibo cotto, ad esempio mescolando ingredienti crudi e cotti in uno stesso piatto (vedi insalata di pollo).
  • Contaminazione trasversale indiretta: in questo caso la contaminazione degli alimenti avviene tramite contatto con alcune superfici o utensili di cucina contaminati. Anche le mani della persona che prepara il cibo possono essere veicolo di contaminazione se prima hanno toccato alimenti o utensili contaminati e non sono state successivamente lavate.
La contaminazione crociata può anche non riguardare microrganismi ma il trasferimento di allergeni da un cibo che li contiene ad uno che invece originariamente ne era privo.




Iscriviti

* indicates required


Adbox

@templatesyard