Ricette, ma soprattutto consigli, racconti e segnalazioni di dove poter mangiare senza problemi e di conseguenza vivere meglio

Pasta di riso con olive taggiasche e pinoli

Pasta di riso con olive taggiasche e pinoli

Una delle ricette senza glutine più veloci e sfiziose, la pasta di riso con olive taggiasche e pinoli, per un buon primo piatto anche per i celiaci.

Questo condimento infatti è ricco di sapore e saprà rendere speciale anche la pasta di riso, che molti sofferenti di intolleranze alimentari non gradiscono ma che devono necessariamente inserire nella propria alimentazione quotidiana.

Alla fine della ricetta un breve approfondimento - per chi non le conoscesse - delle olive taggiasche. In fondo sono per metà ligure (e campanilista).

Ingredienti
  • 400 gr di pasta di riso corta
  • 10 pomodorini ciliegini
  • 4 fili di erba cipollina
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • Basilico (opzionale) q.b.
  • Sale q.b.
  • 1 zucchina
  • >24 olive taggiasche
  • 1 cucchiaio di pinoli
  • 1 carota
  • 1 spicchio di aglio
  • Pepe q.b.

Preparazione

Lavate i pomodori e tagliali a metà.

Fate tostare i pinoli qualche minuto in padella senza aggiungere condimenti.

Lavate la zucchina, privatela delle estremità e tagliatela a julienne.

Scaldate l’olio in una padella e mettete a rosolare l’aglio sbucciato e punzecchiato.

Unite i pinoli tostati e le olive.

Unite anche i filetti di zucchina e i pomodori.

Cuocete per cinque minuti regolando anche di sale e pepe ed aggiungendo mezzo bicchiere di acqua calda.

Lessate la pasta senza glutine in abbondante acqua salata e scolalali 1 minuto prima di quanto indicato sulla confezione.

Versateli nella padella con il condimento e saltate tutto per due minuti.

Nel frattempo grattugiate la carota mondata e tagliuzzate i fili d’erba cipollina insieme al basilico.

Mettete nei piatti le porzioni, spargete un poco di carote e di erba cipollina e basilico su ogni piatto e servite subito.

Da Butta la pasta

L'ingrediente re della ricetta:  Le olive taggiasche

Le olive taggiasche sono una specialità ligure la cui coltivazione è tipica della zona di ponente.

L’oliva taggiasca deve il suo nome alla città di Taggia, in provincia di Imperia, dove secondo documenti storici venne introdotta da monaci francesi dell’ordine dei Colombani giunti dalla Provenza, per la precisione dal monastero di Lerino. Innesti di oliva taggiasca sono stati in seguito sperimentati in varie regioni d’Italia ma le coltivazioni maggiori, e dalla migliore resa, sono rimaste sempre quelle della provincia di Imperia.

Consumate “da sole”, in salamoia o sott’olio, oppure per realizzare primi, secondi e contorni, le olive taggiasche danno sempre quel tocco in più in grado di conquistare il palato. Anche le papille gustative più esigenti non potranno che rimanere soddisfatte.

Dal classico spaghetti al tonno con olive taggiasche, al merluzzo con pomodorini e taggiasche, passando per il parago al cartoccio con taggiasche, gli usi in cucina della nostra qualità di olive sono i più vari.

Altra prelibatezza è il patè di olive taggiasche con cui si può farcire del pane fatto in casa.

Ma si possono anche guastare semplicemente accompagnate da un formaggio tipo Camembert, con pomodori secchi.

Altrettanto buona sarà una focaccia realizzata con capperi e olive taggiasche. Su Artimondo trovate numerosi prodotti a base di olive taggiasche: da quelle snocciolate in olio extravergine d’oliva o in salamoia fino a condimenti unici e deliziosi come la polpa di olive taggiasche e la tapenade ligure. Quest’ultima è un condimento cremoso originario della Provenza e poi adottato dalla tradizione culinaria ligure.

Il limite è dato solo dalla nostra fantasia in cucina, anche se il consiglio è di abbinare sempre il nostro olio extra vergine di oliva e le nostre olive a piatti dal sapore non robusto in modo da esaltare in pieno la qualità e il gusto “taggiasco”.



Iscriviti

* indicates required


Adbox

@templatesyard