Ricette, ma soprattutto consigli, racconti e segnalazioni di dove poter mangiare senza problemi e di conseguenza vivere meglio

La farina di ceci: caratteristiche e come cucinarla

La farina di ceci: caratteristiche e come cucinarla

La farina di ceci è un’ottima alternativa alla classica farina di grano tenero, ideale per realizzare tante ricette sfiziose sia dolci che salate.

La sua naturale mancanza di glutine, nonché il suo sapore piacevole e delicato, rendono la farina di ceci estremamente versatile, consumata anche da chi soffre di disturbi legati alla celiachia.

Non solo, viene spesso usata per fare croccanti ma leggere panature (per esempio, con i petti di pollo o tacchino), come addensante e addirittura in sostituzione delle uova per cucinare ricette 100% vegan.

Come abbiamo già avuto modo di vedere, la farina di ceci è, tra le farine di legumi, quella con l’indice glicemico più basso: questo tipo di farina è spesso utilizzata nei regimi alimentari vegani per completare il pool di amminoacidi essenziali.

L'apporto di fibra è elevato, mentre il colesterolo è assente. Presenta, inoltre, una buona quantità di potassio, calcio, fosforo e ferro

Insomma, la farina di ceci è davvero l’ingrediente che non deve mai mancare: potete, ovviamente, comprarla già fatta oppure prepararla voi stessi usando i ceci secchi.

Nelle prossime settimane pubblicherò 6 ricette a base di farina di ceci, per ora un suggerimento di come cucinare la pasta nella figura sopra.

La pasta, essendo in pratica solo legume deve essere abbinata con tutto ciò che si sposa solitamente ai legumi, dal pesce al solo olio extravergine, con un tocco di cipollotto o rosmarino e pepe, o ancora si può proporre in insalata con verdurine crude o saltate.



Iscriviti alla Mail senza glutine

* indicates required






Iscriviti

* indicates required


Adbox

@templatesyard